ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE "GIANCARLO SIANI" NA

Via Pietravalle 80131 Napoli - tel.  0815456214 - 0812203682

Succursale sede Chiaiano-corso Chiaiano n°50 tel. 0810606181

D.S. Prof.ssa Rosaria Mancini

e_mail:

Posta elettronica:                 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Posta elettronica certificata: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Presidenza:                       Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

codice univoco per la fatturazione elettronica: UFNTE5

codice fiscale :95170160634

 

Orario ufficio di Presidenza:

martedì, giovedì e sabato dalle ore 09.00 alle  ore 11.00

Orario ufficio di Segreteria Didattica in vigore dal 01/11/2018:

martedì dalle ore 15.00 alle ore 17.00, giovedì e sabato dalle ore 09.00 alle  ore 11.00

 Dove siamo:   
 

La Storia

La storia

Punto iniziale della presentazione dell’istituto non poteva che essere il ricordo di questo giovane napoletano che ha scritto una delle pagine più commoventi ed esaltanti della storia contemporanea della nostra città. Giancarlo Siani era un giovane giornalista de Il Mattino che, negli anni '80, svolgeva la sua attività di cronista, ancora precario, nella zona di Torre Annunziata, dove aveva messo alla luce gli illeciti traffici della criminalità organizzata relativi al commercio della droga.Presto divenne quindi un testimone "scomodo" perchè, non solo rivelava, nei suoi articoli, che la camorra utilizzava ragazzini, c.d. muschilli, non ancora tredicenni e quindi non imputabili, quali corrieri della droga, ma mise anche allo scoperto contrasti interni e vendette trasversali tra due clan camorristici, apparentemente alleati, i Gionta di Torre Annunziata e i Nuvoletta di Marano. Giancarlo Siani fu ucciso il 23 settembre 1985 da alcuni sicari mentre rientrava nella sua casa del Vomero. La sua figura rappresentativa insieme a tante altre vittime della criminalità organizzata di questi anni, è stata al centro di manifestazioni, dibattiti, ricorrenze, insomma di tutto un movimento di sensibilizzazione della società civile, e non solo di Napoli e della Campania, in nome della legalità e dei valori che sono alla base di una convivenza democratica. Per tali motivi tante scuole, tra cui la nostra, hanno voluto intitolarsi al suo nome, ed  ogni anno il 21 Gennaio, Giornata della memoria, in tutte le scuole della Regione vengono organizzati dibattiti, incontri finalizzati alla riflessione su questo devastante fenomeno della criminalità organizzata.

ORGANIGRAMMA

ORGANIGRAMMA E DESCRIZIONE DEI RUOLI E COMPETENZE

Operazione trasparenza

Il 1° comma dell’articolo 21 della legge n. 69 del 18 giugno 2009 (“Disposizioni per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività nonché in materia di processo civile“) stabilisce che tutte le pubbliche amministrazioni debbano rendere note, attraverso i propri siti internet, alcune informazioni relative ai dirigenti (curriculum vitae, retribuzione, recapiti istituzionali)
e i tassi di assenza e di presenza del personale.
Con Circolare n. 3 del 17.07.2009 il Dipartimento della FP ha anche fornito istruzioni sulle modalità di applicazione della norma.
In questa sezione sono quindi pubblicati i dati richiesti per ottemparare alle sopra citate disposizioni normative.

Attachments:
Download this file (Curriculum_Vitae.pdf)Curriculum_Vitae.pdf[ ]6 kB

Coca Cola Cup

TROFEO REGIONALE “COCACOLA CUP”  CALCIO A CINQUE MASCHILE

i quotidiani regionali hanno scritto:

 

Si sono tenute ieri allo Sporting di Agnano-Pozzuoli di Napoli, in collaborazione con il CSI, le finalissime regionali del torneo di calcio a cinque “Coca-Cola Cup - Mettiti in gioco”, progetto ludico-educativo organizzato da Coca-Cola in Italia e rivolto alle prime due classi delle scuole secondarie di secondo grado.

Ad aggiudicarsi la vittoria, in una giornata all’insegna dello spirito di squadra e della sana competizione, 7 ragazzi dell’Istituto “Giancarlo Siani” di Napoli e 7 ragazze dell’Istituto Magistrale “G.Guacci” di Benevento: vincitori tra le 80 squadre, 56 maschili e 24 femminili, classificate al torneo regionale dopo una selezione con partite interne.

 

Noi possiamo affermare che:

 

Dopo un estenuante quanto difficile torneo iniziato il 15 maggio protrattosi per tre lunghissime e faticosissime giornate di gare valevoli per la qualificazione alla finale di calcio a cinque del torneo  “CocaCola Cup”, i nostri “magnifici sette” calciatori, sono stati i protagonisti assoluti sui campi dello “Sporting club di Agnano” dove si sono affrontate decine di squadre tutte agguerritissime e tutte   intenzionate ad ottenere il primo posto.

 

Gli atleti: Antonio Granata, il portierone, Gianvincenzo Finizio, Gianluca Granata, Raffaele Capezzuto, Antonio De Biase, Caiafa Antonio e Dario Cocozza si sono aggiudicati la coppa ottenendo il prestigioso primo posto. Come  premio saranno ospiti della “Juventus Football Club”a Torino dove parteciperanno ad uno stage di perfezionamento insieme ai Campioni d'Italia durante il mese di Luglio.

 

La finale è stata disputata sabato  18 maggio sotto il sole cocente di Agnano: dopo aver ottenuto due meritatissime  vittorie nelle  gare di qualificazione, una  per gli ottavi, l'altra  per i quarti di finale, senza avere la possibilità di sostituzioni a causa di due infortuni capitati al veloce Dario Cocozza e al fantasioso Raffaele Capezzuto, si sono aggiudicati la finale contro la fortissima squadra di Procida.

 

Gli infortuni  hanno gravemente menomato la squadra, nonostante tutto, la forza di volontà, lo spirito di sacrificio, la voglia di riscattare la precedente ed immeritata esclusione dal torneo parallelo dei Giochi sportivi studenteschi, i cinque nostri eroi hanno superato se stessi e le sventure capitate ai loro due compagni, vincendo anche per loro  le competizioni finali con una media di gol a dir poco favolosa.

Non sono esclusi  dal merito  i professori di educazione fisica Paolo Aulicino, Dino Lucente, Anna Gargiulo ed Antonio Sacco i quali con professionalità ed esperienza  oltre alla preparazione  hanno saputo dare il giusto sostegno psicologico da bordo campo, consentendo ai loro allievi di superare i numerosi momenti difficili che si sono susseguiti durante il torneo.

 

Meritano un elogio  anche le atlete  della squadra di Calcio a Cinque femminile, eliminate dal torneo durante gli ottavi di finale per aver   affrontato sempre con la giusta determinazione e spirito di sacrificio tutte le partite ma  decise di rifarsi senz'altro il prossimo anno.

Informazioni aggiuntive